Secondo il Comitato nazionale per la liberazione dei detenuti (Cnld), al 31 maggio, 200 persone si trovavano dietro le sbarre per aver espresso le loro opinioni in Algeria. Sono oppositori politici, attivisti per i diritti umani, giornalisti e militanti dell’Hirak, il movimento nato nel febbraio 2019 in opposizione al quinto mandato del presidente Abdelaziz Bouteflika, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Quelle targhe sbagliate, che lasciano ricordi più forti

prev
Articolo Successivo

Sassonia, la Cdu si intesta il successo targato Haseloff

next