Più gli editori sono indebitati, più sono vulnerabili rispetto alle banche creditrici. Sinora mancava una dimostrazione scientifica. Ora la conferma arriva dallo studio La cattura dei media da parte delle banche pubblicato il 7 settembre scorso da Ruben Durante e Andrea Fabiani dell’Università Fabra di Barcellona e José Luis Peydró dell’Imperial College di Londra e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

I giornali (in crisi) in banca: chi presta soldi agli editori

prev
Articolo Successivo

Miliardi coi vestiti usati: cosa c’è dietro l’app del momento

next