“Era il 1967. Noi in questa sala d’incisione a Milano, la Basilica, ricavata in una chiesa sconsacrata. Stavamo registrando Dio è morto di Guccini. Arriva Mogol. Con lui un ragazzo timido, che non sorrideva mai. Battisti. Lucio prende la chitarra e ci fa sentire Non è Francesca. Mogol dice: ‘Bella vero? Adesso fate un album […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

I miei 70 anni da libidine

prev
Articolo Successivo

“A Brescia siamo rimasti tutti artigiani”: il cantautorato vintage di Franzoni e Zamboni

next