Mai urlato, sempre garbato e con poche parole. Eppure tra affermazioni, smentite e silenzi, quello che si sta consumando in questi giorni sulla vicenda dei verbali resi dall’avvocato Piero Amara davanti ai pm di Milano e consegnati all’ex consigliere del Consiglio superiore della magistratura Piercamillo Davigo è uno scontro tutto interno alle istituzioni. Una domanda […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Salvini torna al Papeete con 16 punti in meno: la Meloni verso il sorpasso

prev
Articolo Successivo

Storari ai pm: “Io e Piercamillo abbiamo soltanto seguito la legge”

next