Con molta confusione, e dopo mesi di uscite azzardate, il governo ha deciso che almeno su un grande dossier industriale vuole imprimere una discontinuità. S’intende quello della società unica della rete in fibra che, secondo i piani del Conte-2, sarebbe nata dalla fusione della rete di Tim con quella di Open Fiber, la società controllata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Giulia Grillo. Una breccia nel muro di gomma, presto per cantare vittoria

prev
Articolo Successivo

“Per i docenti si riparla di sanatoria dei precari per creare altri precari”

next