L’ombra di Eni sonnecchia dietro il pirotecnico scandalo della (presunta) loggia Ungheria. Non solo perché Piero Amara, protagonista del caso, era l’avvocato che ha avuto per anni incarichi milionari dalla compagnia petrolifera. Ma anche perché il suo comportamento processuale è strettamente legato alle indagini (transitate da Trani a Siracusa fino a Milano) sul cosiddetto complotto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ora s’indaga su 4 mila euro trovati alla funzionaria Csm

prev
Articolo Successivo

Toghe. Presto azioni disciplinari. E Salvi sente la Cartabia

next