Benjamin Netanyahu tra l’incudine e il martello. Mentre a mezzanotte scade il tempo per lui dalle elezioni marzo per formare un governo, ieri l’Agenzia governativa israeliana che supervisiona le politiche dello Stato ha aperto un’inchiesta sull’incidente che venerdì scorso ha portato alla morte di 45 ebrei ultraortodossi sul Monte Meron. Per risolvere la prima questione, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Quell’integralismo ebraico a cui la politica ha abdicato

prev
Articolo Successivo

“Avola su rapporti Stato-mafia è depistante, lo conosco bene”

next