Da quanti anni si dice che nel calcio si gioca troppo, che i calendari sono intasati e che gli sportivi rischiano la nausea da indigestione e i giocatori il coccolone in campo? Da 10? Da 20? Ormai abbiamo perso il conto. Intanto però in nome del dio denaro (leggi: più partite, più soldi dalle tv […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Gennaro Musella. L’imprenditore ucciso dai clan e il “malloppo” in arrivo dall’Europa

prev
Articolo Successivo

La partita di Bettini (il “Richelieu” giallorosa) nel risiko delle alleanze

next