Un film di Woody Allen è buona cosa: perché è di Woody Allen e perché, non raramente, è un buon film. Rifkin’s Festival soddisfarebbe entrambe le condizioni, se nella seconda parte non si sfaldasse un po’, e se al posto di Elena Anaya ci fosse un’attrice meno insignificante. Nondimeno, un film di Woody Allen al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

“Dalla pesca al teatro” – Giuseppe Zeno, divo da fiction

prev
Articolo Successivo

“A casa tutti bene”, Muccino approda alla serialità

next