Tre giorni prima della scadenza del suo mandato per formare un governo, Netanyahu sta conducendo una guerra psicologica contro l’altra parte. Il suo obiettivo finale è impedire ai suoi rivali di raggiungere accordi che consentirebbero a Naftali Bennett e Yair Lapid e agli altri giocatori del blocco composto da sette partiti di ottenere il mandato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Ultraortodossi, il pellegrinaggio senza regole diventa un massacro

prev
Articolo Successivo

Mosca sanziona Sassoli, lui di rimando cita Tolstoj

next