Lettera da Mosca

Doxa, gli studenti oppositori che stanno mettendo in difficoltà i generali di Putin

Il giornale, fondato nel 2017 dagli alunni dell'Alta scuola di economia russa, si occupa di politica, attualità, diritti civili e umani e negli ultimi giorni ha scosso questure, tribunali e coscienze. Adesso quattro redattori sono ai domiciliari dopo un'irruzione nella redazione e alcune perquisizioni domiciliari

Di Michela A.G. Iaccarino
30 Aprile 2021

Piccoli oppositori crescono. La gioventù ribelle russa si chiama Doxa, come il giornale studentesco che negli ultimi giorni ha scosso questure, tribunali e coscienze a Mosca. Fondato nel 2017 dagli alunni dell’Alta scuola di economia russa, Doxa si occupa di politica e attualità, diritti civili e umani. Il media diffonde articoli scritti da penne pronte […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione