Sul Corriere della Sera del 16 aprile il dottor De Molli, ceo di The European House-Ambrosetti, dopo aver ricordato la perdita di competitività e le criticità strutturali del Paese, ha presentato una nutrita serie di spunti per una nuova governance. Quel contributo, pur non esente da ingenuo ottimismo sulla concreta praticabilità, merita attenzione quale segno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Professor Conte, di lei sappiamo troppo poco

prev
Articolo Successivo

Per arginare le idee (diffuse) di Cazzola si può solo resistere

next