L’operazione del ministro del Lavoro, Andrea Orlando, sulla riforma degli ammortizzatori sociali è semplice: ha preso la proposta ereditata da Nunzia Catalfo, suo predecessore e l’ha resa un po’ meno generosa. Ecco perché il primo incontro in cui l’ha illustrata ai sindacati – l’altroieri – è culminato con un nulla di fatto: le tutele sono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Piano Draghi: superbonus tagliato, imprese premiate

prev
Articolo Successivo

Il Morandi è crollato per avidità: un’ispezione di notte in 30 anni

next