In un piano dalle minime differenze rispetto al Recovery plan presentato dal governo Conte, il Piano di ricostruzione e resilienza (Pnrr) del nuovo esecutivo riesce a spostare molte più risorse sulle imprese, attraverso la voce “digitale” e a creare qualche problema al M5S sul Superbonus per l’efficientamento degli edifici che al momento risulta il più […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Draghi e Letta augurino lunga vita ai 5stelle

prev
Articolo Successivo

Ammortizzatori, riforma sgonfiata

next