Secondo Albert Einstein, niente è affidato al caso. Anche un gesto innocente come sbagliare numero di telefono non è mai una distrazione o un errore anodino. Per questo, quando il 14 marzo 1954 – mentre è seduto al tavolo del suo studio a Princeton – riceve la telefonata di una ragazza che ha composto un’errata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Vaccini & guerre, il contagio Usa

prev
Articolo Successivo

Un porno casalingo per mettere a nudo le ipocrisie romene

next