Le armi negli Usa non tacciono mai: in un deposito della FedEx, vicino all’aeroporto internazionale di Indianapolis, tra l’Indiana e l’Ohio, un uomo ha ucciso otto persone, prima di suicidarsi, sparando con un fucile a ripetizione. I feriti sono una decina, alcuni gravi. La strage di Indianapolis, di cui s’ignora il nome dell’autore e il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Filippo, funerale sobrio. Ma con molte stravaganze

prev
Articolo Successivo

Vaccini & guerre, il contagio Usa

next