Quando Valentina Vezzali è stata scelta come sottosegretaria allo Sport, ultima casella del governo Draghi, apparentemente marginale eppure così difficile da riempire, tutti si sono chiesti a chi appartenesse politicamente la campionessa, ex deputata montiana e groupie berlusconiana (celeberrima la sua avance al premier a Porta a Porta), da anni fuori dal giro e dal […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Stile da destra lumbard: dàgli al poveraccio, il resto va da sé

prev
Articolo Successivo

Poltrone. Orlando sistema al Lavoro il fedele Martella

next