Nel gennaio dell’anno scorso incontrai il sindaco Antonino Nucera al mercato di Opera. Volevo raccontare la storia dell’uomo in gabbia, ovvero del nigeriano Daniel Owewense fotografato dietro le sbarre, affiancato da due agenti della polizia municipale che lo esibivano come un trofeo: colpevole di accattonaggio molesto! L’avevano pubblicata su Facebook dopo averne sbianchettato il volto, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Le hai poi rubate le mascherine in Rsa, sindaco?”

prev
Articolo Successivo

Vezzali nomina allo Sport l’uomo ombra di Giorgetti

next