I bar e i ristoranti del centro di Roma confiscati qualche anno fa alla camorra stanno finendo – assegnati dal Tribunale della città capitolina – in mano a un fondo cipriota riconducibile a personaggi e società tuttora a processo a Latina, per bancarotta fraudolenta e riciclaggio transnazionale. Il decreto di confisca dei beni – per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Pm, Ruby e Mubarak: 10 anni fa Montecitorio umiliato per salvare B.

prev
Articolo Successivo

Sindaca leghista nomina in giunta il fratello del boss

next