Letteratura

Perchè la letteratura preferisce i malfattori? L’esempio di Dostoevskij

I demòni credono di avere dalla loro la giustizia, invocando un non si sa quale mondo migliore

1 Aprile 2021

Caratteristica precipua dei terroristi – in ogni epoca e latitudine e causa – è sentirsi detentori della verità: in tasca, accanto alla pistola. Certo tale caratteristica è trasversale e comune ad altre categorie – alcuni magistrati, ad esempio – ma la letteratura ha quasi sempre snobbato i giudici, preferendo loro i malfattori: eccentrici e inguaiati, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.