Nel rivendicarne la paternità, la ministra renziana della Famiglia, Elena Bonetti, ha presentato l’assegno unico familiare come una rivoluzione per le politiche di sostegno alla natalità. Gli osservatori più autorevoli, invece, ci vanno cauti e parlano di un provvedimento che ha sì dei pregi, ma anche diversi difetti, di cui un paio gravi e sui […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Pochi soldi, piccoli gabbati: sostegni peggio dei dl Ristori

prev
Articolo Successivo

La cuoca cinese di mia zia, l’infinita crisi del Pd e i suoi taralli alle olive

next