La legge tedesca, approvata da due terzi del Parlamento, che ratifica l’accordo che dovrebbe dare vita al programma Next Generation Eu “non può essere emessa dal presidente federale”. Con un algido comunicato e poche parole perentorie la Corte costituzionale tedesca ieri ha messo una bella zeppa, probabilmente solo temporanea, alla partenza del piano europeo di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Nuovo schiaffo agli ultras impunità

prev
Articolo Successivo

Aspi verso Cdp & C. Oggi nuova offerta, la decisione a maggio

next