Nella prigione Pokrovskaya Ik-2, che ha definito un “simpatico campo di concentramento”, Aleksej Navalny sta male: la sua schiena è dolente, la sua gamba destra si muove a stento, notizie e diagnosi sulle sue reali condizioni di salute scarseggiano, perché nessuno può far visita all’oppositore. “Soffre di forti dolori alla schiena e alla gamba destra, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

L’annuncio fake della Bellanova sulla strada fantasma in Puglia

prev
Articolo Successivo

La Cina usa i suoi influencer contro le “bugie” occidentali

next