Oscurantismo

Aleyna e le altre: così la Turchia di Erdogan sacrifica le donne in nome del potere (maschile)

Con la terribile scusa dell'“unità familiare”, il Sultano ha cancellato la Convenzione che porta proprio il nome della capitale, Istanbul. Solo dall'inizio dell'anno sono stati 82 i femminicidi; 409 l'anno scorso; 421 nel 2019. E quasi tutti gli assassini vestono i panni dei mariti o dei fidanzati

24 Marzo 2021

Aleyna Cakir, una bellissima ragazza bruna da poco maggiorenne, fino a pochi mesi fa era intenta a costruirsi un futuro ad Ankara, anche attraverso gli ormai onnipresenti social, specialmente Instagram. Nella capitale turca, dove hanno sede tutte le istituzioni, ormai al guinzaglio del presidente Recep Tayyip Erdogan, gli occhi neri di questa giovane donna avevano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione