La violenza sessuale come strumento di genocidio. È quello che denunciano medici e testimoni in Etiopia, nella regione settentrionale del Tigray, dove infuria da mesi il conflitto armato tra Fronte popolare di liberazione (Tplf) e governo. Le donne – secondo fonti della Cnn e le cartelle cliniche delle sopravvissute – subiscono stupri di gruppo, vengono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Dbeibah mira alla stabilità più che alla democrazia: e ai libici va bene”

prev
Articolo Successivo

Riso come pericolo, il divertimento parte con l’adrenalina

next