Due dei venti faldoni dell’archivio di Stefano Delle Chiaie, rinvenuti dalla Digos di Roma giovedì mattina nel quartiere Cinecittà della Capitale, contengono il carteggio dell’Ufficio Affari Riservati del Ministero dell’Interno, relativo al periodo fra il 1971 e il 1974 in cui il dipartimento era guidato da Federico Umberto D’Amato. Materiale, secondo gli investigatori, potenzialmente in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Caso Bose, il Papa conferma: Bianchi lasci la comunità

prev
Articolo Successivo

Niente manutenzione e cavalcavia pericolosi Indagati i manager delle autostrade siciliane

next