Ci contavano tutti, dall’inviato speciale delle Nazioni Unite per la Libia, Ján Kubiš, al ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio, che nell’incontro di sabato scorso alla Farnesina ha sottolineato a Kubiš come la fiducia dell’8 marzo avrebbe permesso in Libia l’insediamento di “un governo unificato e nel pieno delle funzioni, essenziale per salvaguardare l’appuntamento […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

“L’Ue paghi i danni”. La sentenza riscrive i crac di Etruria&C.

prev
Articolo Successivo

“Kiev ritrova l’alleato Usa, il nemico comune è Mosca”

next