Due nuovi gruppi di ex Cinque Stelle, questa volta accomunati dal “no” alla fiducia al governo Draghi. Sono quelli nati ieri in Parlamento, per volontà di alcuni degli espulsi M5S, sotto il nome di “L’alternativa c’è”. Alla Camera sarà una componente del gruppo misto, al momento composta da 13 deputati. Al Senato, invece, ai 6 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Niente segreteria, dobbiamo rifondarci assieme a Giuseppe”

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Natangelo

next