Sul tavolo del presidente della Repubblica Sergio Mattarella c’è una lunga lettera di 67 magistrati, diversi fanno parte del gruppo “Articolo 101”, altri non sono neppure iscritti all’Anm. Chiedono al presidente di tornare a intervenire sulla necessità di una “radicale” riforma dell’ordinamento giudiziario, a cominciare dalle elezioni per il Csm. Ma nella stessa lettera c’è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Così Palamara spifferava notizie sulle indagini in corso”

prev
Articolo Successivo

Governo Draghi, il dire e il fare

next