“L’unità” che non è “un’opzione”, ma “un dovere” e la raccomandazione alla “sobrietà nella comunicazione”: lo raccontano “essenziale” Mario Draghi ed effettivamente nel primo Cdm del suo governo è essenziale pure nel chiarire che cosa si aspetta dai suoi 23 ministri. Il messaggio da una parte è talmente scontato che ci si poteva scommettere, dall’altra […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

La Cattiveria

prev
Articolo Successivo

Tutti “neri” e composti: il giuramento come un Cda

next