“Lo stato di grave pericolo” in cui vivono i cittadini di Taranto a causa del “sempre più frequente ripetersi di emissioni nocive ricollegabili direttamente all’attività del siderurgico, deve ritenersi permanente ed immanente”. Lo hanno scritto i giudici del Tar di Lecce nella sentenza con la quale hanno disposto lo spegnimento degli impianti dell’area a caldo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Il Cnr da domani senza presidente: rischia la paralisi

prev
Articolo Successivo

Il ministero della Cultura che ricorda il fascismo

next