Da una parte 8 giovani uomini maliani, vittime di traffico di minori, finiti a lavorare come schiavi per raccogliere cacao nelle piantagioni della Costa d’Avorio e poi riusciti a sfuggire allo sfruttamento. Dall’altra le maggiori multinazionali del cioccolato al mondo, Nestlé, Cargill, Mars, Mondelez, Hershey, Barry Callebaut e Olam, accusate da quei ragazzi di sfruttamento […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Catanzaro, 2 telefonate al Colle nella guerra contro De Magistris

prev
Articolo Successivo

Impeachment, McConnell tira il salvagente a Trump

next