Nella Ue le dosi di vaccino anti-Covid scarseggiano, ma il monopolio di Big Pharma non si tocca. Ieri, Ursula von der Leyen, ha ammesso in un’intervista su La Stampa di aver sottovalutato il deficit di produzione, sulla scia dell’annunciato ritardo nelle consegne delle dosi all’Ue da parte di Astrazeneca. Ma è lo stesso esecutivo di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Variante inglese, rischio 400 mila casi al giorno”

prev
Articolo Successivo

Rinoplastica, problemi di peso e il corpo di Cristo finito nella scollatura

next