Bilanci falsati per milioni di euro e “incarichi aggiustati”. Ma anche “macroscopiche violazioni di legge” e interessi personali anteposti a “qualsiasi altra considerazione di rispetto della legalità e di tutela del pubblico interesse”. Andavano così le cose nell’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza dove, per dirla con le parole dell’ex direttore generale Raffaele Mauro, il problema […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Abbiamo parcheggiato lì qualche milione della Lega”

prev
Articolo Successivo

Colosseo, affare da 600 mln. Ma i privati battono lo Stato

next