Tutte ancora una volta in ordine sparso. In questo caso nel calcolo dell’indice di positività, vale a dire il rapporto tra nuovi contagi e numero di test effettuati. È la risposta delle Regioni alla circolare con la quale il ministero della Salute, l’8 gennaio, ha aperto le porte ai test antigenici rapidi per la diagnosi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Germania, vaccini in ritardo: “L’Italia fa meglio di noi”

prev
Articolo Successivo

Attenzione a come facciamo i tamponi

next