Inizio questo articolo con un mea culpa: anch’io, come tanti, mi sono trovato, alle ore 18 di tutti i giorni della prima emergenza Covid, aggrappato all’unica boa suscettibile di salvarmi, i numeri. Dei contagiati e dei morti. Solo quando questi numeri hanno cominciato a segnare un’inversione di tendenza, ho trovato la forza di andare a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Chiesa, la riformanasce nella crisi

prev
Articolo Successivo

“Per il Covid ho rischiato di perdere la voce. E la parte in un film su Rai1”

next