A un anno e otto mesi dallo scandalo delle nomine, il “caso Palamara”, il Csm ha votato in plenum le prime pratiche nate dalla montagna di chat tra l’ex consigliere Luca Palamara, radiato dalla magistratura (contro la sentenza disciplinare pende il suo ricorso in Cassazione) e decine e decine di toghe. A maggioranza (11 contrari, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Per chi suona la notifica?

prev
Articolo Successivo

“Shalabayeva, nostri poliziotti servirono la dittatura kazaka”

next