Una via delle seta sul ghiaccio lunga oltre cinquemila chilometri, la distanza che separa Pechino dal Polo Nord. Negli ultimi vent’anni la Cina ha intensificato gli sforzi scientifici, economici, geopolitici e militari per accrescere la presenza sul territorio dell’Artico. Lo scioglimento dei ghiacci artici dovuto al cambiamento climatico ha innescato la cosiddetta “febbre bianca”, attirando […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Arte è mistero. Una canzone emoziona senza dire il perché, ma Lucio Dalla fa girare la testa

prev
Articolo Successivo

Altro che “sorella di”: Paolina Leopardi era un’intellettuale coltissima

next