In questo caso la direzione non è ostinata e contraria per calcolo, ragionamento o fascinazione. Antonella Ruggiero è ostinata e contraria perché è natura, indole, rispetto di se stessa. Con lo stesso tono evita la retorica del palco come necessità (“mai sentito il bisogno”), del desiderio di socializzare (“sto bene così”), di correre, correre e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

L’Alfa Gt 2000 di Pasolini è ancora in circolazione

prev
Articolo Successivo

“Mamma” Rainey ha dato al blues il colore nero

next