Amava farsi fotografare. O almeno, a noi fotografi ci lasciava lavorare. Ricordo quanto mi colpì la sua eleganza la prima volta che lo vidi. Eravamo a Palazzo Fani Pecci Blunt, a Roma, a due passi dal Campidoglio. Era il 1979 e c’era la festa per un premio, con un po’ tutte le star di allora: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Dalla Simonetta di Botticelli alla ninfetta di Millais, tante le “Muse nascoste” nelle opere

prev
Articolo Successivo

Alla Rai non piace il presepio

next