Ha vestito i Beatles consegnando alla storia la loro immagine in abito nero con scollo alla coreana. È stato il primo a sfilare sulla Muraglia cinese e nella piazza Rossa di Mosca, ma anche nel deserto e nei borghi medioevali, sdoganando la spettacolarizzazione delle sfilate. Ha creato il prêt-à-porter, la moda alla portata di tutti, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Quante oscenità, Aristofane: la “Lisistrata” e la “Festa”

prev
Articolo Successivo

Dalla Simonetta di Botticelli alla ninfetta di Millais, tante le “Muse nascoste” nelle opere

next