Per la Lega era una riforma simbolo, capace di dare lustro a un modello d’eccellenza. Avrebbe dovuto migliorare l’integrazione tra servizi sanitari e sociosanitari, potenziare la medicina territoriale, rafforzare laprevenzione, ridimensionare la centralità degli ospedali a favore di una continuità delle cure sul territorio. Così non è stato. Anzi. Dopo cinque anni di sperimentazione, la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Sapelli, Tremonti e Giorgetti: la rosa dei premier di Salvini

prev
Articolo Successivo

Dpcm, due ipotesi di zona rossa: festivi e prefestivi o dal 24 al 6

next