Il vaccino russo Sputnik V ha un’efficacia “superiore al 95%” se si prendono in esame “i dati preliminari dei volontari ottenuti 42 giorni dopo la prima dose” (ovvero 21 giorni dopo la somministrazione della seconda dose). Lo ha reso noto ieri, nello scetticismo della comunità scientifica occidentale, l’istituto di ricerca Gamaleya. “Dopo il completamento degli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La Sanità in Calabria al prefetto o al manager

prev
Articolo Successivo

Regioni, Pd, Comuni e Tar: le biglie impazzite della scuola

next