Dai racconti apocrifi di Pierre Jean Jouve. C’era una volta una donna di Shanghai che aveva un marito traffichino, un amante ghiottone, e due belle oche grasse che gironzolavano per casa. Il ghiottone, quando andava a trovarla, aveva l’acquolina in bocca al pensiero di potersele gustare arrosto, prima o poi; e un giorno le chiese […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Zaia-Salvini, guerra fredda su chi fa il “capo” in Veneto

prev
Articolo Successivo

Quel solido asse Conte-Mattarella

next