C’è un momento preciso in cui, a giudicare dai documenti dell’inchiesta fiorentina sulla fondazione Open, per Luca Lotti inizia un luminoso futuro al di là dell’Arno. E quel momento arriva nel dicembre del 2011. Il futuro sottosegretario alla Presidenza del Consiglio e ministro dello Sport, in quel periodo, è il capo di gabinetto di Matteo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Bettini “spinge” FI nella maggioranza Pd e 5S in silenzio

prev
Articolo Successivo

Ecco le donne nel renzismo: utili solo se “pr” del capo

next