Per la prima volta le toghe progressiste di Area vincono le elezioni dell’Associazione nazionale magistrati. Una vittoria che si spiega soprattutto con un’astensione significativa dei magistrati e con lo zoccolo duro su cui può contare la corrente, formata da Magistratura Democratica e Movimenti per la Giustizia, che viaggia tra i 1600 e i 1800 voti. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Strage dei topini, la prima sentenza è di assoluzione

prev
Articolo Successivo

Casta alpina: i consiglieri del Trentino si alzano (ancora) lo stipendio e il vitalizio

next