Samuel Paty era un insegnante che amava fare il suo mestiere: “Voleva davvero trasmetterci qualcosa. Ogni tanto sollevava dei dibattiti in classe e ci faceva intervenire”, ha raccontato Martial, ex allievo della scuola media di Conflans-Sainte-Honorine, al nord di Parigi. Paty aveva 47 anni, due bambini e voleva insegnare la libertà d’espressione. Venerdì, mentre rientrava […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il piano Roma dei “ribelli” M5S (a cominciare dallo Stadio)

prev
Articolo Successivo

Chi uccide in nome della propria fede è solo un bugiardo

next