L’ultimatum del governo su Autostrade per l’Italia, al solito, non sembra aver spaventato Atlantia. Ieri, al termine di un lungo consiglio di amministrazione, la holding ha rigettato la richiesta di adeguarsi all’accordo del 14 luglio e accettare le richieste della Cassa Depositi e Prestiti destinata a prendere il controllo. Al massimo, fa sapere il gruppo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Bonomi e Conte: patto ma “visioni” opposte

prev
Articolo Successivo

Il Tesoro avrà 5 nuovi direttori: studi e ricerche per 750mila €

next