Dopo i commercialisti del partito, ora l’Antiriciclaggio e la Procura di Milano indagano sul conto corrente della “Lega per Salvini premier”. Nel mirino “una operatività anomala” in entrata e in uscita, tra il 2018 e il 2019 per circa 14 milioni di euro. Attorno a questo rapporto bancario appoggiato su un istituto di credito di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Sì o no, sarà una scelta da Colosseo

prev
Articolo Successivo

Il commercialista parla per ore ai pm

next