Non c’è un no definitivo, il Comitato tecnico scientifico prende tempo per “ulteriori approfondimenti” con l’Organizzazione mondiale della Sanità, il Centro europeo per la prevenzione delle malattie (Ecdc) di Stoccolma, gli altri Paesi dell’Ue. Per il momento, però, di ridurre la quarantena non se ne parla, neppure per i cosiddetti “contatti” dei positivi, né a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La paura fa 90: tutti i nominati sperano nel “No”

prev
Articolo Successivo

“I banchi? Toti strumentalizza” In Liguria ora il virus preoccupa

next